Rich corporations, poor Societies, lecture in Amsterdam

Radio Onda Italiana invites you for

belastingdienst

A lecture in English by

Rodrigo Fernandez (researcher of SOMO)

Followed by a debate with the public

Saturday 14 november 2015

 15-17 hrs

Het Spinhuis, Amsterdam

Never before were corporations more awash with cash, outside of a small group of corporate managers and shareholders hardly anyone is benefiting. On the contrary: corporate financial investments reinforce troubling trends of high unemployment, rising debts, inequality and fiscal austerity in Europe and the US and precarious and badly paid jobs in the Global South. To contribute to a more balanced and sustainable economy, multinational corporations should be forced by governments to pay their fair share in taxes, to pay decent wages and to  invest their cash reserves in productive rather than financial assets

For more information:

www.somo.nl

www.ondaitaliana.org

Economia , , , , , , , , ,

TTIP = disintegrazione europea, disoccupazione, calo dei redditi

Radio Onda Italiana Amsterdam

Lunedì P106078511 maggio 2015

Stasera a Liberalaradio abbiamo parlato del TTIP, il Trattato Transatlantico tra USA e UE e delle gravi conseguenze che esso comporta per i cittadini. Secondo il ricercatore econometrista della Tufts University di Boston, Jeronim Capaldo, il TTIP porta a una riduzione del PIL, a una perdita di 600.00 posti di lavoro e a una riduzione del reddito da lavoro.

L’intervista è di Andrea Pagano di Radio Radicale

Ascoltate qui la puntata:

http://www.salto.nl/streamplayer/wereldfm_ondemand.asp?y=15&m=05&d=11&t=2100&s=0

Per maggiori informazioni:

http://ase.tufts.edu/gdae/policy_research/ttip_simulations.html

Elezioni 2008 , ,

Chi ha acquistato derivati a nome dell’Italia?

derivatiChi ha acquistato derivati a nome dell’Italia?

L’austerity andrebbe imposta a loro.

Gli uffici finanziari della Banca d’Italia, tra il 2011 e il 2014 hanno accumulato perdite su operazioni finanziarie pari a quasi 17 miliardi di euro.

Vogliamo sapere chi ha condotto e chi ha avallato quelle operazioni finanziarie (evidentemente rischiose) e perché il rischio di quelle operazionni sbagliate debba ricadere sul bilancio pubblico.

Non è accettabile che i cittadini debbano pagare per gli errori compiuti dai manager della Banca d’Italia e dai loro politici di riferimento.

Secondo il Tesoro i derivati in essere ammontano a 159 miliardi di euro che nel loro complesso a fine 2014 erano già in perdita per circa 42,6 miliardi di euro.

Queste perdite vengono ora addossate ai cittadini italiani che hanno mai saputo che cosa veniva comprato con i loro soldi.

Il neoliberismo è una religione dogmatica e dittatoriale che non ammette critiche. Per rivelarne il fallimento e il danno economico, sociale e morale che arreca a tutta la società, basterebbe che noi cittadini a sinistra facessimo le domande giuste ai manager e ai politici di alto livello che hanno acquistato con i nostri soldi tra l’altro i contratti derivati dei quali non possiamo liberarci se non restituendo alle banche che ce li hanno rifilati centinaia di miliardi di euro.

Altro che austerità imposta solo ai poveri e alla classe media sempre più povera. Dovremmo cominciare a chiedere a chi ha firmato questi contratti capestro a nome dell’Italia di ripagare le spese con i propri soldi.

fonte: Roberto Marchesi sul Fatto Quotidiano

Economia , , , , , , , , , ,

A new financial tsunami

028Dear friends,

 

I’m alarmed, and you should too, by the mostly uncontrolled invasion of the financial transactions on the global market. We should be aware of what’s happening and what are the real urgent reforms that can restore a well-balanced activity of the market, solving at least the worst part of this crisis.

Citizens must start to take interest in global economy and understand what’s going on, then they could be prepared to get together and take back the control of all the public and the most vital common goods such as public health, transport, education, energy, university research.

“We the people” says the American Constitution and we too must believe in the power and brainpower of the people.

Citizens must analyze what is going on, reflect on it and decide to participate in the construction of a better society and a better world.

 

The following post is inspired by the article “Crisi economica: la nuova ondata è già in viaggio, ma nessuno se ne cura perché… (Crisis: a new tsunami is coming but nobody’s caring because…) published on his own blog on “Il Fatto Quotidiano Online” by Roberto Marchesi on Dec 15 2014. The English translation has been reviewed by Carla Ricciardi (Rome).

 

My best salutation

Silvia Terribili

 

 

 

 

A new financial tsunami

A new financial tsunami, potentially more devastating then the one of 2008 is gaining ground. It is moving underneath and when it will be visible on the horizon it will be too late to stop it. This will probably happen in 2015 or, better still, in 2016 (ndr = because it’s an election year).

 

Why oil prices are dropping

The first symptom of this coming tsunami is the dropping of over 40% of the oil price. Consumers might think this is a positive change, but ultimately, it isn’t. The primary cause of the price drop is the fact that international finance has started to retreat its bids last summer following the tension on the market produced by the impending reduced liquidity due to the Fed decision to stop the USA Quantitative Easing policy.

 

Stock Exchanges as a global Las Vegas

But the real problem is not actually the reduced liquidity, but the excessive freedom wanted by the financial firms operating in the market to expand their bets. In a little more than ten years the liberalization of the financial markets has generated a huge mass of capital almost uncontrolled. The CDS alone (Credit Default Swaps are the most hazardous of those financial products) are moving 2.77 trillion dollars (or about 2,222 billion euro.) CDS are a sort of insurance on credits, but they are frequently used (like futures and other financial inventions) as a gamble on the market itself.

The Stock Exchange has become a sort of global Las Vegas moving huge quantities of capital with the speed of a few nanoseconds, then multiplying them thanks to bets on bets that create infinite artificial bubbles of virtual capital.

 

Strong financial rules needed

What the society desperately needs are Rules, Rules, strong Rules to govern those uncontrolled bets.

 

The governments and Europe do nothing

The government of Europe and the national governments do nothing to control these bets. They use only weak palliatives like the rules of Basel III or the European stress tests, which are totally inadequate to stop the invasion of CDS, futures and other highly hazardous financial products.

 

Obama tried to rule the financial market

Obama tried to regulate these invasions of derivatives, but met incredible opposition by the Republican member of Congress and also by his own Congressmen. The so-called Dodd Frank legislation, like the HR-4413 measure, established just last year, were envisioned to control the invasion of derivative risks but they were dismantled soon by the financial lobbies who wanted to have completely free hands to develop giant volumes of derivatives and spread them on the markets, hypnotizing naive savers and investors with promises of easy gaining that will never come true, because those derivatives are only bubbles which will vanish eventually.

Of course all foxes in the US Congress and in the Financial Market are perfectly aware of these dangers created by the massive use of derivatives and hazardous financial products, but they always think they will profit anyway from it because they think they are smarter. In any case those conservative and neoliberal politicians know that the disasters of the “Great Recession”, started with the Subprime crises, created the opportunity to destroy a large part of the welfare state allowing public money and taxpayers’ money to flow into the hands of their private owner friends.

 

A solution

–    The market and the people need stricter global control of the financial market also reducing substantially the power of the financial lobbies.

–    The market on the derivatives and hazardous financial products must be allowed only on the proper real commercial transactions, forbidding those of pure gambling. Also the use (and abuse) of the “short sale” (selling at a lower price stocks or bonds borrowed from a bank) must be stopped.

–    The banks must return to the division of commercial banks and financial banks, forbidding the commercial banks to make the same operations of the financial banks and vice versa.

–    When big companies or banks go on the track of bankruptcy and ask to be helped with public money, they must be nationalized instead.

 

Roberto Marchesi

401 Ellis Drive

Allen, Texas 75002

marchesi@tx.rr.com

 

 

Economia , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Sunday Dialogues on Leviathan

If you want in your life more than passive scrolling down headlines on your mobile…..

If you want to exercise and feed your intelligence and learn to exchange reflections with other people………………

If you want to improve your English while learning how to express ideas, abstract concepts and political and philosofical reflections in another language….

 

Then you can come to the:

 

Sunday Dialogues on Leviathan

The Leviathan was written by Thomas Hobbes in 1651 and was burned by the Oxford University in 1683.

 

On Januari 25th, February 22nd, March 22nd, April 19th, May 17th

From 15:00 to 17:00

 

To participate you have to read 100 hundred pages of Leviathan in one month, you can read it in every language you want but then we will discuss it in English with a moderator. We suggest that you take a bilingual version of Leviathan, in the original English text plus a translation in your own language because it is very important that you understand preferably everything you read.

 

The dialogues will be held in Astarotheatro, Sint Jansstraat 37, Amsterdam

 

Please come to the free Introduction on

Sunday December 14th from 15.00 to 17:00 hrs

 

Let us know if you are coming on December 14th

info@ondaitaliana.org

Etica in politica , , , ,

Lista Tsipras: al lavoro!

Cari compagni sostenitori ed elettori della Lista Tsipras,

 

Dobbiamo solo essere contenti che si sia arrivata ad una decisione su chi ci rappresenterà al Parlamento europeo. Del resto le preferenze hanno dato un’indicazione chiara e l’importante è guardare ora al futuro alle battaglie europee che ci aspettano più urgenti che mai.

Non possiamo bloccarci su una questione interna come l’assegnazione di un seggio.

 

Capisco la delusione di Marco Furfaro, ma sono sicura che lui continerà come prima e più di prima a collaborare da protagonista alla costruzione di un grande progetto, quello di un partito europeo (non più solo italiano) della Sinistra.

 

Certo, errori di organizzazione ne sono stati fatti molti, a cominciare da quello che non si sono fatte vere e proprie primarie per la scelta dei candidati e ci sono state in fondo cooptazioni di personalità di spicco dello spettacolo e del giornalismo, e anche candidature simboliche che poi avrebbero dovuto lasciare il posto a secondi o terzi eletti. Questa costruzione secondo me presenta molte falle ed è responsabile di malumori –inevitabili- a posteriori.

 

Ma lasciamo la questione dell’organizzazione a un dibattito interno (da approfondire in futuro) e concentriamoci sul mandato chiaro che ci hanno dato gli elettori. Quel 4% che ha visto una luce di sinistra alla fine del tunnel “sinistro”.

 

Ci vuole un congresso fondativo del partito European Left che rilanci la costruzione di un vero partito europeo.

 

Per favore smettiamola di demonizzare la forma –partito-

 

Chi l’ha fatto finora è riuscito solo ad alimentare il qualunquismo, l’antipolitica e la protesta fine a se stessa. Oppure l’astensionismo. Tutti antivalori che non giovano a chi crede in una sana politica si sinistra. Sane sinergie di sinistra.

 

Spero che a luglio si possa fare il Congresso di fondazione della sinistra europea. E che la base e gli attivisti ne siano protagonisti nella migliore tradizione della sinistra.

 

E intanto chiedo agli eletti della Lista Tsipras di cominciare a lavorare subito a Bruxelles ai temi che stano più a cuore ai cittadini: revisione del fiscal compact, opposizione al TTIP, opposizione alle privatizzazioni dei beni e servizi comuni, rilancio della piccola e media impresa, difesa dell’ambiente, politica comune della riduzione dei rifiuti, promozione agricoltura biologica. Di questo dobbiamo occuparci ora.

 

Buon lavoro!

 

 

Elezioni Europee 2014 , , , , , ,

Appello a Alexis Tsipras e agli eletti

Vorrei lanciare un appello a tutti coloro che hanno sostenuto e votato la Lista Tsipras:

Chi vuole sottoscrivere il presente appello può comunicarlo su questa pagina?

https://www.facebook.com/groups/553843931396724/

 

 

 

Chiediamo a Alexis Tsipras e agli organizzatori, coordinatori e eletti della lista Tsipras:

 

1.

Di indicare prima possibile chi andrà a rappresentarci nella GUE. Di decidere internamente chi è il rappresentante migliore, basandosi esclusivamente sulla meritocrazia, la conoscenza approfondita dell’inglese e la capacità di difendere il nostro programma in un contesto di politici professionisti.

 

2.

Di uscire definitivamente dalla logica della rappresentanza di correnti. Chi non viene eletto come europarlamentare può sempre diventare assistente del parlamentare e rafforzare il pluralismo interno del gruppo. C’è bisogno di tutti e tutti dobbiamo collaborare per rafforzare questo nascente partito europeo.

 

3.

Di convocare a luglio 2014 un congresso di fondazione del partito della Sinistra Europea in Italia.

 

4.

Di cominciare a costruire una struttura di partito simile e quella di tanti altri partiti di successo della Sinistra Europea. Smettiamola di demonizzare la forma –partito- in sé, metodo sfruttato da chi ha sempre combattuto la battaglia anticasta per poi contribuire alla rottamazione di tutte le opposizioni e approdare alle castissime del sistema neoliberista delle larghe intese.

Elezioni Europee 2014 , , ,

16 good reasons to vote for GUE-NGL

Ecco 16 buoni motivi per cui andare a votare e votare per la lista Un’altra Europa con Tsipras (oppure l’SP per chi vota i candidati olandesi visto che a sinistra a livello mondiale c’è piena sintonia su questi obiettivi politici)

Sia la lista Tsipras che l’SP fanno parte del gruppo europeo di sinistra GUE-NGL che con il vostro voto può diventare il terzo gruppo per grandezza nell’europarlamento. Non lasciamoci sfuggire quest’occasione di rafforzare la sinistra europea.

  1. Cancellare il Fiscal Compact e Patto di cosiddetta Stabilità e Crescita
  2. Incentivare la riduzione e l’eliminazione dei debiti privati (e non fissarsi solo solo sul debito pubblico che non è vero debito, ma spesa indispensabile per mantenere una società civile per tutti i cittadini)
  3. Creare le possibilità per un’uscita di sinistra dall’eurozona per i paesi le cui economie, esportazioni e domanda interna vengono distrutte dai cambi fissi
  4. Controllo democratico sull’operato della BCE
  5. Netta suddivisione delle banche tra banche d’affari e banche che offrono credito
  6. Divieto di commercio di derivati e divieto di high frequency trading
  7. Promozione a livello europeo dell’agricoltura e allevamento biologico, esente da pesticidi e OGM. Obbligo di indicare la presenza di OGM nei prodotti
  8. Tassa sulle transazioni finanziarie
  9. NO alla privatizzazione di beni comuni, acqua, energia, rifiuti, e di servizi vitali come trasporti, poste, sanità, scuola
  10. Difesa e promozione della piccola e media impresa (a carattere familiare)
  11. Stop al ruling
  12. Promozione del trasporto pubblico e del trasporto su ferrovia anziché su strada anche per le merci
  13. Reintroduzione di tassa su chi produce CO2
  14. Introdurre norme molto più restrittive sulle polveri e sulle nanoparticelle, introdurre penali per le amministrazioni che non ne riducono la concentrazione
  15. Promozione e cooperazione a livello europeo nel campo della produzione di energie rinnovabili come sole, vento, maree, gradiente termico, risparmio energio, riciclaggio e compostaggio rifiuti organici, utilizzo della bicicletta anziché di automobili e scooter.
  16. Difendere a spada tratta a livello mondiale la neutralità del web e renderla obbligatoria per legge

 

Elezioni Europee 2014 , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Another Europe with Tsipras, people first!

Dear friends,

Also in Holland with strongly support the movement Another Europe with Tsipras (Un’altra Europa con Tsipras).

This is the official site of Alexis Tsipras

http://www.alexistsipras.eu

this is the site of Un’altra Europa con Tsipras

http://www.listatsipras.eu/

We have also a FB pagina

https://www.facebook.com/groups/553843931396724/

We simply require a 100% Social Europe. A Europe where all citizens have the same rights and the same access to essential goods  and nobody has to suffer poverty and unemployment.

We are not going to sacrifice social rights in a social Europe because some financial oligarchies in Europe ask us to.

First of all we have to think how we are going to help countries with a less developed social system to reach the quality of the better states. For no reason we can abandon the good social system for the worse.

We require a 100% Social Europe.

 

People first!

Elezioni Europee 2014 , , , , , , , , , ,

L’Altra Europa con Tsipras

Il Manifesto

 

Il programma di Alexis Tsipras per le elezioni del 25 maggio

Nell’accettare la candidatura alla Presidenza della Commissione Europea, Alexis Tsipras ha indicato le sue priorità politiche, e proposto un piano in dieci punti contro la crisi. Questo documento rappresenta la piattaforma politica attorno a cui si è raccolta la lista italiana L’Altra Europa con Tsipras, che verrà approfondita e integrata nelle prossime settimane in un confronto aperto e partecipato.

L’Unione Europea sarà democratica o cesserà di esistere”, afferma Tsipras: “Per noi, la democrazia non è negoziabile”. Il documento sottolinea la necessità di “superare la divisione fra Nord e Sud dell’Europa”, e definisce così il sogno dell’Europa che vogliamo: Un’Europa al servizio dei cittadini, invece che un’Europa ostaggio della paura della disoccupazione, della vecchiaia e della povertà. Un’Europa dei diritti, anziché un’Europa che penalizza i poveri, a beneficio dei soliti privilegiati, e al servizio degli interessi delle banche.

Per costruire questa Europa – la nostra Europa – il documento di Tsipras indica tre priorità politiche:

  1. Porre fine all’austerità e alla crisi, con gli strumenti indicati nei 10punti del piano

  2. Avviare la trasformazione ecologica della produzione, per rispondere alla crisi ambientale e dare priorità alla qualità della vita, alla solidarietà, all’istruzione, alle fonti energetiche rinnovabili, allo sviluppo ecosostenibile

  3. Riformare le politiche europee dell’immigrazione, rifiutando il concetto di “Fortezza Europa” che alimenta forme di discriminazione, e garantendo invece i diritti umani, l’integrazione, il diritto d’asilo e le misure per la salvaguardia dei migranti, costretti ad affrontare viaggi in cui è a rischio la loro stessa vita

I contenuti principali del Piano in dieci punti contro la crisi sono:

– la fine immediata dell’austerità, “una medicina nociva somministrata al momento sbagliato”, che ha portato al primato di 27 milioni di disoccupati in Europa e all’ingiustizia di intere generazioni derubate del loro futuro

– un programma di ricostruzione economica, finanziato direttamente dall’Europa tramite i prestiti a basso tasso d’interesse, e centrato sulla creazione di posti di lavoro, sullo sviluppo di tecnologia e infrastrutture

– la sospensione del patto di bilancio europeo (Fiscal Compact), che attualmente impone il pareggio di bilancio anche ai paesi in gravi difficoltà economiche, e che deve invece consentire gli investimenti pubblici per risanare l’economia e uscire dalla crisi

– una Conferenza europea sul debito, simile a quella che nel 1953 alleviò il peso del debito che gravava sulla Germania, e le consentì di ricostruire la nazione dopo la guerra

– una vera banca europea, che in caso di necessità possa prestare denaro anche agli stati e non solo alle banche, e che fornisca prestiti a basso tasso di interesse agli istituti di credito, a patto che accettino di fornire credito a costi contenuti a piccole e medie imprese

– una legislazione europea che renda possibile tassare i guadagni che derivano dalle operazioni finanziarie, oggi fiscalmente colpite molto meno del lavoro

Per rendere possibile questo cambiamento, afferma Tsipras, “dobbiamo influenzare in modo decisivo la vita dei cittadini europei. Non vogliamo semplicemente cambiare la attuali politiche, ma anche estendere l’interesse e la partecipazione delle persone alla politica, fin nella stesura delle leggi europee. Per questo dobbiamo creare un’alleanza politica e sociale più ampia possibile”.

La crisi dell’Europa non è solo economica e sociale, è anche crisi di democrazia e di fiducia. A questa crisi noi possiamo e dobbiamo rispondere, con “un movimento per la costruzione democratica di un’unione che oggi è solo monetaria”.

Per ricostruire l’Europa – conclude Tsipras – è necessario cambiarla. E dobbiamo cambiarla adesso, perché sopravviva. Mentre le politiche neo-liberiste trascinano indietro la ruota della Storia, è il momento che la sinistra spinga avanti l’Europa”.

per maggiori informazioni:

www.listatsipras.eu

Elezioni Europee 2014 , , , , , , ,